Novità

28.02.2018

Normativa e adempimenti

Trasporto disabili: tutte le regole da osservare

Un veicolo adeguato al trasporto di disabili, a seconda della patologia invalidante, deve essere realizzato con accorgimenti particolari che permettano e facilitino l’accesso in abitacolo, il tragitto e l’uscita dall’abitacolo. I casi più diffusi riguardano patologie che interessano gli arti inferiori, in questi casi è necessario che l’autoveicolo sia adeguatamente modificato e munito di dotazioni particolari. Invece, quando il trasporto si riferisce a persone con patologie a carico degli arti superiori oppure a carico dell’apparato visivo o uditivo, l’autoveicolo non necessita di modifiche consistenti, ma in ogni caso potrebbe essere necessaria l’assistenza di un accompagnatore.

Il disabile ha la possibilità di acquistare un veicolo adatto al trasporto beneficiando di agevolazioni fiscali. La normativa di riferimento, quando si tratta dell’acquisto di un veicolo adatto al trasporto dei disabili è la legge 104, una legge che disciplina in toto quello che è l’argomento, stabilisce quali sono i livelli di invalidità di riferimento e quali sono gli iter da seguire per ottenere la corretta documentazione attestante la propria patologia. In alternativa all’acquisto il disabile per il trasporto può avvalersi di servizi di noleggio con conducente oppure rivolgersi ad organizzazioni di servizio di assistenza alla persona con “accompagnatore”.

L'importanza di avere un accompagnatore qualificato

In merito alla questione può generarsi confusione tra la figura del conducente del mezzo che trasporta disabili e la figura dell’accompagnatore. Il conducente del mezzo per disabili ha degli obblighi che sono immediatamente riferibili allo stato del suo mezzo, questo deve essere dotato di tutti i dispositivi necessari per permettere l’accesso, il trasporto e l’uscita ai soggetti con patologie disabilitanti e deve avere le autorizzazioni previste se si tratta di noleggio con conducente. Nel caso in cui il disabile soffra di una patologia che coinvolga non solo la parte degli arti inferiori, ma sia affetto da una patologia grave che coinvolga buona parte del corpo, oltre al conducente si rende necessaria la figura dell’accompagnatore che deve assistere in maniera attiva il paziente durante il trasporto.

Openjobmetis con la sua Divisione Family Care, oltre a fornire un servizio di assistenza domiciliare svolto da Badanti in somministrazione, è in grado di organizzare il trasporto disabili con assistenza alla persona, quindi con “accompagnatore”, utilizzando sempre la formula della somministrazione.