Novità

28.02.2020

Normativa e adempimenti

Badanti in nero: non correre rischi!

 
In Italia sono ancora numerosi i casi di badanti in nero, soprattutto in alcune regioni del Sud.
Se da un lato scoprire una badante in nero è ancora molto difficile in quanto richiederebbe controlli all’interno delle singole abitazioni, dall’altro i controlli nella maggior parte dei casi derivano da denunce dirette da parte dei lavoratori che vogliono ottenere contributi, tredicesima, tfr e permessi.
 

Lavoro in nero: conseguenze dell’irregolarità con lo Stato

Il datore di lavoro è tenuto a comunicare all’Inps l’assunzione del lavoratore, la modifica del rapporto di lavoro o l’eventuale cessazione. Nel caso in cui uno dei presenti doveri venga meno, il Ministero del lavoro ha stabilito sanzioni, amministrative e civili. Se poi la badante non ha un regolare permesso di soggiorno, le sanzioni previste sono penali.
Nel caso in cui, ad esempio, il datore non comunichi l’assunzione della badante all’Inps o ne ometta l’iscrizione, le sanzioni sono:
 
  • sanzione amministrativa per l’omessa o la ritardata comunicazione dell’assunzione all’Inps. Il valore oscilla tra i 200 euro e i 500 euro per ogni lavoratore e deve essere versato al centro per l’impiego;
  • sanzione per il lavoro in nero, ovvero per la mancata iscrizione all’Inps. In questo caso il valore oscilla tra 1.500 euro e 12.000 euro per ciascun lavoratore in nero, a cui deve essere aggiunta una maggiorazione di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo ed è cumulabile con le altre sanzioni amministrative e civili persistenti contro il lavoro in nero.
 
Il datore di lavoro è anche tenuto a versare i contributi ed è responsabile dell’eventuale omissione di pagamento, per cui sono previste sanzioni pari al 30% su base annua calcolate sull’importo dei contributi evasi con un massimo del 60% e un minimo di 3.000 euro.
 
Il problema maggiore per le famiglie che si avvalgono di badanti in nero, a prescindere dalle sanzioni amministrative e/o penali, è la loro gestione. Infatti succede che la badante, facendo leva sulla posizione lavorativa in nero, manifesti atteggiamenti opportunistici, anche con richieste di denaro in aggiunta a quello concordato, minacciando di denunciare alle autorità competenti le irregolarità contestate.
 

Assunzione badante: dichiarazione dei redditi e detrazioni fiscali

Il costo delle fatture è detraibile, mentre i contributi previdenziali sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi. 
Nello specifico il datore di lavoro può detrarre dall’imposta lorda il 19% delle spese, per un importo massimo di 2.100 euro l’anno, sostenute per gli addetti all’assistenza di persone non autosufficienti. 
La detrazione spetta al soggetto non autosufficiente o ai familiari che sostengono la spesa e si può usufruire di tale detrazione solamente se il reddito complessivo non supera 40.000 euro.
La deduzione fiscale per la badante può essere sommata anche alla detrazione fiscale prevista per un’eventuale colf.
 

Quanto costa una badante in nero

Per tutelarsi da una badante in nero, l’unica soluzione è regolarizzarla.
Qualora infatti una badante, dopo anni di lavoro in nero, decida di procedere legalmente contro il datore di lavoro, lui sarà tenuto a risarcirla di tutti gli arretrati accumulati.
I diritti di una badante prevedono:
 
  • salario minimo definito dal Contratto collettivo nazionale;
  • tredicesima;
  • tfr, sia per licenziamento per giusta causa sia per dimissioni volontarie;
  • ferie e permessi;
  • contributi previdenziali;
  • infortunio sul lavoro;
  • eventuali malattie;
  • indennità di Vitto e Alloggio.

 

Il riscatto può essere richiesto da parte della badante fino a 5 anni dopo la cessazione del rapporto di lavoro.
 

Family Care al tuo servizio

Family Care assicura alle famiglie una gestione dei contratti di lavoro puntuale e precisa, sostituendosi al datore di lavoro nelle pratiche burocratiche e tutelando sia la badante stessa sia la famiglia.
La Legge ad oggi appare chiara, ma se qualcuno avesse necessità di maggiori informazioni e chiarimenti il personale delle agenzie Family Care è preparato e disponibile ad offrire delucidazioni in merito. 
Scopri come Family Care può aiutarti e trova l’agenzia più vicina a te!