Novità

22.11.2018

Salute e medicina

Quando un anziano ha bisogno di una Badante

Quando si diventa anziani, arriva un momento in cui le forze vengono a mancare, le capacità cognitive diminuiscono, avanza la solitudine ed anche l’affetto dei propri cari si dilata nel tempo. Questo è il momento in cui c’è bisogno di un aiuto, di un sostegno umano a cui appoggiarsi per continuare a vivere nel tratto finale della vita. Esiste una sola risposta che possa soddisfare questo stato di necessità ed è quella di affidarsi all’assistenza di una Badante. Tuttavia spesso succede che l’orgoglio, le remore culturali ed il senso di confusione che assale l’anziano non aiuta ad accettare l’idea di un aiuto estraneo. Non sempre i figli, per impegni di lavoro o per la distanza, o anche semplicemente perché sono a loro volta già avanti con l’età, sono in grado di seguire i propri genitori al cento per cento. Ma allora, come convincere un anziano ad accettare la presenza della Badante? (Fonte: corriere.it/salute).

 

L'approccio migliore è sereno, calmo e professionale

Davanti al rifiuto da parte dell’anziano di avvalersi di una assistente familiare non bisogna scoraggiarsi. L’esperienza ci insegna che, con il passare del tempo, nella maggioranza dei casi il rapporto con la badante, se questa è capace, viene accettato, anzi valorizzato e sostituisce in parte quello dei parenti. Bisogna essere gentili e concreti, mai generici. «Come fai a farti il bagno da solo?», invece di «Sei vecchio, ti dimentichi le cose». «Se cadi che cosa succede?» invece di «In casa non te la cavi più da solo».

Quindi l’importante è affrontare questo momento con dolcezza e serenità, arrabbiarsi o sgridare non serve a niente.

La Divisione Family Care di Openjobmetis è sempre molto attenta nel dare una consulenza precisa e puntuale. Inoltre, oltre ad offrire la somministrazione di Badanti ed Operatori Socio Sanitari, è in grado di realizzare un programma ad personam per una corretta domiciliarità dell’assistito.