Novità

10.01.2018

Salute e medicina

Dalla tecnologia l’aiuto per la società che invecchia

L’anzianità spesso si accompagna ad un progressivo ritiro dalla vita pubblica e dalle relazioni sociali. L’anziano viene considerato una persona ormai ai margini della vita sociale e comunque non significativa. Una compito importante nella cura degli anziani è quello di stimolare gli interessi e le sue capacità, anche quando parzialmente compromesse, utilizzando tecniche relazionali che possono integrarsi con tecnologie digitali particolari. Quindi sono necessarie soluzioni tecnologiche innovative che possano soddisfare le esigenze e le aspirazioni degli anziani consentendo loro di continuare a svolgere un ruolo attivo nella società.

Questi temi sono stati affrontati nel programma europeo AAL (Active and Assisted Living) in collaborazione con il Challenge Prize Center di Nesta. Il programma ha promosso un concorso denominato Smart Ageing Prize, avendo come obiettivo quello di identificare le soluzioni più promettenti in Europa utilizzando le ICT (Information comunication technology) per l’invecchiamento attivo e in salute (Fonte LiberEtà) .

Tecnologia al servizio dell'assistenza domiciliare

Le tecnologie digitali possono quindi agire da mediatore per stimolare esperienze sociali che migliorano il benessere. Ecco perché le innovazioni digitali per soddisfare le esigenze e i desideri degli anziani sono al centro di questa sfida.

La Divisione Family Care di Openjobmetis condivide e sostiene questa sfida. Nel lavoro di cura dell’anziano le novità tecnologiche devono integrarsi bene con il supporto fornito dalle Badanti che, evidentemente, devono essere preparate a poter sfruttare queste opportunità. Quindi la Divisione Family Care ha il compito di scegliere di volta in volta gli assistenze domiciliari più adatti alle diverse situazioni di assistenza domiciliare.