Novità

23.12.2020

Salute e medicina

Cosa fare se si hanno sintomi da Coronavirus?

Sempre più spesso capita alle famiglie di dover affidare alle cure di una badante i propri familiari anziani.
E proprio in questi mesi, in cui il nostro paese è stato colpito da una pandemia mondiale, nominata COVID-19, è diventato sempre più prioritario preservare dal contagio soprattutto le persone anziane e con una serie di patologie che le rendono più soggette ad ammalarsi, agendo in prima persona sulle assistenti familiari, fornendo loro tutte le informazioni necessarie e consigli pratici sui comportamenti da adottare.

Non a tutti, infatti, è ancora chiaro ad oggi come comportarsi nel caso in cui il tampone risulti positivo. Cosa bisogna fare e a chi bisogna rivolgersi?

Covid-19 e influenza di stagione: come distinguerli 

Ad oggi i sintomi più comuni del Covid-19 conosciuti sono:

  • Febbre (con temperatura maggiore a 37,5°C)
  • Spossatezza
  • Tosse secca persistente
  • Mal di gola
  • Naso chiuso o che cola
  • Perdita parziale o totale dell’olfatto o del gusto
  • Congiuntivite
  • Diarrea

Sebbene l’influenza stagionale e il Coronavirus presentino molti sintomi in comune, quelli del Covid-19, soprattutto nei soggetti più a rischio come gli anziani, risultano essere solitamente più gravi e persistenti.
Dal momento in cui è difficile distinguere tra i due, nel caso in cui si presentino alcuni o tutti i sintomi è necessario rivolgersi al proprio medico di base che consiglierà come agire, se rimanere nella propria abitazione o sottoporsi a tampone.

Alla badante o a chi assiste l’anziano viene quindi consigliato di controllare spesso la febbre e in caso di sintomi chiamare subito il medico.

Covid-19: tampone positivo

Chi risulta positivo al tampone dovrà obbligatoriamente restare in isolamento, evitando di esporre altre persone al rischio di contagio. La durata dell’isolamento varia a seconda delle condizioni del paziente stesso.
I positivi si distinguono in categorie differenti a seconda della comparsa o meno di sintomi e della loro gravità. La principale distinzione è tra:

  • Positivi asintomatici. Le persone asintomatiche devono restare in isolamento per 10 giorni, al termine dei quali, e solo in caso di secondo tampone negativo, possono terminare il loro isolamento.
  • Positivi con sintomi. Le persone che presentano sintomi devono rimanere in isolamento per 10 giorni e solo in caso in cui negli ultimi 3 giorni non abbiamo presentato sintomi, possono sottoporsi nuovamente al tampone e terminare il loro isolamento in caso di esito negativo.
  • Positività prolungata. Le persone che continuano a risultare positive nonostante non presentino sintomi, devono restare in isolamento per 21 giorni, isolamento che possono interrompere solo nel caso in cui negli ultimi 7 giorni non abbiano presentato sintomi.

Consigli utili per prevenire il contagio

Alcuni consigli pratici rivolti alle badanti per prevenire il contagio e tutelare l’anziano sono:

  • Rispettare il distanziamento di almeno un metro, salvo situazioni eccezionali in cui si consiglia l’uso della mascherina.
  • Uscire il meno possibile, cercando di ricorrere alle consegne a domicilio di spesa e farmaci o beni di prima necessità.
  • Qualora sia necessario uscire di casa, è necessario mantenere il distanziamento di almeno un metro dalle persone, usare la mascherina, non toccarsi il viso, lavare o disinfettare bene le mani al rientro.
  • Lavarsi spesso le mani, dovendo entrare in contatto giornalmente sia con gli oggetti di proprietà dell’anziano sia con l’anziano stesso.
  • Pulire la casa, usando alcool e candeggina per le superfici toccate più spesso. Indispensabile, poi, aprire le finestre per cambiare l’aria nelle stanze.
  • In caso di comparsa di sintomi, non recarsi dal medico, ma chiamarlo al telefono o contattare il numero di emergenza.
  • Rassicurare l’anziano, cercando di spiegare cosa succede e che presto si riprenderanno le vecchie abitudini, non farlo sentire solo ma aiutarlo e confortarlo. Gli anziani devono mantenersi sereni e attivi, devono restare in contatto con familiari e amici.

FamilyCare, agenzia specializzata al tuo servizio

Family Care da quando è iniziata l’emergenza sanitaria è stata sempre aperta e disponibile ad offrire sostegno e consulenza alle famiglie e alle assistenti familiari.

Family Care garantisce che badante e famiglia adottino comportamenti rispettosi delle regole anti Covid sottoponendo a esami di screening le badanti.

Hai bisogno di informazioni?
Cerca l’agenzia più vicina a te e contattaci: saremo felici di aiutarti!