Novità

31.01.2020

Attualità

Cerco lavoro come badante: perchè affidarsi a un'agenzia specializzata

 
Irina una storia tra tante ma che può fare la differenza
 
Irina, donna rumena di 48 anni, è in cerca di lavoro. La Sig.ra che assisteva da 4 anni è mancata improvvisamente e ora lei è alla ricerca di un nuovo impiego. Incontra le amiche e chiede loro di diffondere la sua ricerca, di proporla ad amici e conoscenti. Va a fare la spesa al solito market e per caso nella bacheca vede l’annuncio: “Cercasi badante a tempo pieno, chiamare il seguente numero.”
Irina coglie l’occasione e prova a digitare il numero. Le risponde M. di mezza età che cerca un aiuto per la madre ormai anziana e le offre 700 euro con vitto e alloggio, senza però, contratto.” Irina prende del tempo per decidere e continua a pensare alla proposta. Mentre passeggia, capita di fronte ad un agenzia Family Care e decide di entrare.  
 
Irina rappresenta una delle tantissime donne in Italia che cercano e trovano ogni giorno lavoro nel settore dell’assistenza a domicilio.
In Italia non è difficile trovare un collaboratore familiare e in apparenza è facile anche trovare un impiego come assistente a domicilio, grazie al progressivo aumento dell’invecchiamento e ai bisogni crescenti delle famiglie.
I mezzi per trovare lavoro sono molteplici:
  • passaparola
  • inserzioni
  • cooperative
  • agenzie

 

Questa molteplicità se da una parte afferma che la badante è una delle figure più ricercate attualmente nel mondo del lavoro, dall’altra testimonia la complessità di  questo settore che ad oggi è ancora caratterizzato da una elevata percentuale di lavoro in nero.
Ciò che cambia grazie alla stipula di un accordo lavorativo sono le prospettive sia per la famiglia che per il lavoratore: lavorare senza un contratto regolare, al contrario di quanto comunemente si pensi, non è vantaggioso nè per chi paga, nè tantomeno per chi presta servizio.
Basti pensare che, a fronte di cifre erogate basse, i rischi in cui si incorre sono decisamente elevati: multe, sanzioni pecuniarie e tasse, fino al rischio di arresto se l’assistente familiare non è in possesso di permesso di soggiorno o dichiara di essere disoccupata mentre realmente lavora.
I dati su questo argomento non sono confortanti e mostrano che nel 50 per cento dei casi l’assistente familiare non possiede un regolare contratto di lavoro. 
Tutto ciò mette in luce come un milione e 300 mila badanti presti servizio senza contributi previdenziali e il più delle volte lavori a domicilio più ore di quelle denunciate. 
Recentemente il patronato Acli Colf ha messo in risalto un nuovo tema su cui le politiche sociali devono riflettere: l’età anagrafica delle badanti in Italia sta aumentando a tal punto che ben presto anche le stesse assistenti familiari avranno bisogno di assistenza. Si pensi che solo a Bologna è stata stimata la presenza di quasi 2000 collaboratrici domestiche con più di 65 anni che continuano a lavorare perchè non hanno maturato il diritto alla pensione.
 
Irina non si è mai proposta alle agenzie del settore timorosa e perplessa. Non sa cosa aspettarsi, di storie spiacevoli dalle amiche ne ha sentite tante: contratti a progetto, quote da versare, richiesta di partita iva…….ancora confusione, ancora precarietà, spesso accordarsi direttamente con la famiglia appare la soluzione migliore.

 

Assunzione diretta tramite agenzia

“Family Care srl., agenzia per il lavoro” si occupa delle selezione e assunzione diretta delle assistenti familiari, attestando la professionalità della badante attraverso un colloquio che permette di conoscerne la storia, le esigenze e attitudini e finalizzato alla proposta della soluzione lavorativa più idonea
Il processo di assunzione attraverso un’agenzia specializzata è più rapido perchè tutti gli adempimenti amministrativi sono svolti dall’agenzia stessa.
 

Il lavoro presso Family Care: sostegno umano e professionale continuo

Le agenzie Family Care assumono direttamente le assistenti familiari e garantiscono al lavoratore:
  • un regolare contratto di lavoro;
  • la tutela dei diritti come malattia, ferie, maternità, orari e turni di riposo;
  • la serenità alla badante che deve assentarsi per periodi più o meno lunghi di essere tempestivamente sostituita e di mantenere il proprio posto di lavoro. 
 
Non è raro infatti, che un’assistente familiare non regolare al rientro da un periodo di assenza si senta dire dalla famiglia che preferisce mantenere la badante appena insediata.
 
Irina lo sa le è già capitato quando è dovuta tornare in Romania per 15 giorni ad assistere suo padre. 
 
L’Agenzia Family Care conosce le assistenti familiari che si rivolgono ad essa  per trovare lavoro, le incontra una ad una, ascolta le loro storie, accoglie i dubbi e risponde alle loro domande.
Durante l’incontro, il personale Family Care verifica e mette in luce le esperienze pregresse, scopre nuove abilità, ascolta esigenze e aspettative per comprendere le richieste e proporre soluzioni. 
 
Family Care lavora affinché fra datore di lavoro e badante si instauri un rapporto di rispetto e fiducia reciproca assicurando alla assistente familiare selezionata un periodo di prova, un percorso di formazione e un servizio di accompagnamento e confronto sia nel periodo iniziale che in itinere.
Quello della badante è un lavoro gravoso svolto in solitudine ma Family Care desidera che le assistenti familiari non si sentano sole e per questo offre:
  • supporto all’inserimento nella nuova famiglia; 
  • aiuto nella relazione tra famiglia, assistente familiare e anziano da assistere;
  • sostegno e valorizzazione del lavoro;
  • sicurezza che l’agenzia sarà un mediatore costante tra i bisogni della famiglie e i diritti del lavoratore affinchè non sussistano richieste non congrue alle mansioni o al contratto dell’assistente familiare;
  • contesto informativo e di crescita, con incontri dedicati al confronto e all’acquisizione di competenze e strategie di lavoro su particolari patologie dell’anziano. 

 

Family Care, agenzia specializzata al tuo servizio.

Family Care riconosce l’importanza dell’assistenza domiciliare, ne comprende l’essenzialità sia per le famiglie che per il settore socio-sanitario con cui deve sempre più integrarsi e per questo desidera dare visibilità al lavoro di cura, sostenerlo, qualificarlo e regolarizzarlo.  
Tutto ciò garantisce alle assistenti familiari una sicurezza dal punto di vista previdenziale e contributivo e alla famiglia, sgravata dal peso della gestione burocratica della badante, una maggiore tranquillità e sicurezza. 
 
Irina per caso è entrata in una agenzia Family Care ma ne esce certa di avere garanzie per il suo lavoro e per il suo futuro.
 
Cerchi lavoro o vuoi iniziare a lavorare come assistente familiare?
Passa a trovarci: saremo felici di conoscerti!